Skip to content

PERSONE DI CALABRIA
Interviste pubblicate dal 2007 al 2009 sul Quotidiano della Calabria

Strati, tremila anni di Calabria

Tempo fa si svolse una discussione su quale fosse il criterio più funzionale per ordinare i libri della propria biblioteca. Umberto Eco, Giorgio Bocca e altri si divisero sostenendo soluzioni
Scopri di più

Giancarlo Bregantini

Trentino di Denno, è un simbolo della Calabria. Non ha perso l’accento della sua terra e, a sentirlo parlare così pacatamente e con tanta dolcezza, non sembra possibile che dalla
Scopri di più

Nicodemo Librandi

Questa è una Calabria da esportazione. I filari di viti coprono duecento ettari, anche dal promontorio più alto lo sguardo non può contenerli tutti, si distinguono alcune zone coltivate a
Scopri di più

Vera Lamonica

Vera di nome e di fatto. Una vita da sindacalista da quando era ragazza e si batteva per i diritti delle raccoglitrici di olive, a oggi che è il segretario
Scopri di più

Tommaso Le Pera

Voglio fare il fotografo di teatro. Viene da pensare al bambino che cocciutamente dice quello che vuole fare da grande e che non sempre mantiene la promessa. Come poi un
Scopri di più

Suor Alessandra

Quando lei non c’è i malati terminali di Aids si sentono orfani. Una donna minuta, sembra ancora più piccola nel suo abito bianco, il dolce volto definito dal copricapo dello
Scopri di più

Romano De Grazia

Una vita da magistrato, tante decisioni da cui è dipesa la sorte di centinaia di persone, storie, passioni, travagli e un grande dolore. Un modo di fare all’antica, anche le
Scopri di più

Giovanni Pugliese

Dietro un successo c’è sempre una storia. Dietro quello della clinica Sant’Anna di Crotone, uno dei centri del risveglio di cui la Calabria, l’Italia e l’Europa menano legittimamente vanto, c’è
Scopri di più

Eva Catizone

In altri tempi nemmeno tanto lontani, e non solo nel Sud, sarebbe finita all’indice. Ma i tempi sono cambiati e anche il Sud non è più lo stesso, lo dimostra
Scopri di più

Alfredo Pirri

Nei testi che parlano di lui si legge: Alfredo Pirri nasce a Cosenza il 25 gennaio 1957, vive e lavora a Roma. Il legame con la Calabria inizia e finisce
Scopri di più

Mario Spagnuolo

Non ama parlare del suo privato, tiene alla riservatezza come un magistrato di altri tempi anche se difende con forza le novità di una professione che si è profondamente rinnovata.
Scopri di più

Angela Napoli

Nelle foto ha quasi sempre uno sguardo serio, ai limiti della durezza. In effetti il suo modo di agire, fermo e severo, non è lontano da quest’immagine. Pur tuttavia, tra
Scopri di più

DOCUMENTI

No’ ndrangheta. Con Gentiloni, De Sena e Laratta

Il mensile “Il nuovo corriere della Sila” diretto da Saverio Basile dedicò ampio spazio a un dibattito svoltosi a san Giovanni in Fiore due giorni dopo la manifestazione di Reggio
Scopri di più

Il Quaderno

Era il 1975. Sindaco di Castellammare il socialista Antonio Capasso, ci si apprestava a preparare il bilancio di previsione per il 1976. Io ero consigliere comunale. Mi venne l’idea di
Scopri di più

Gli internati stabiesi nei lager

Pubblico, d’accordo con Giuseppe Improta, mio vecchio compagno di lavoro, giornalista, docente e storico locale, questo suo studio, pubblicato sulla rivista “Il Tetto”, che ricostruisce alcune storie e vicende degli
Scopri di più

Antonio Gargiulo, Saul, Piazza Spartaco”

Ho appena appreso, e visto l’immagine, che Antonio Gargiulo ha restaurato l’affresco del salone di quella che una volta fu, e nacque così, la sezione Lenin del Pci di Castellammare
Scopri di più

Il primo giornale

“Gioventù democratica”. Marzo 1966, il mio primo giornale , stampato con il ciclostile trovato nella sezione Lenin del Pci di Castellammare con articoli miei, di Giuseppe Clemente e Franco Perez.
Scopri di più

La Calabria in una foto

Parto dall’autore. Franco Foglia è un fotografo, un grande fotografo. Lo fa per passione, per diletto, forse perché ha il tempo per farlo o non ha altro da fare, ma
Scopri di più

La Castellammare di Mimmo Jodice

Per le elezioni comunali del 17 aprile 1977 a Castellammare di Stabia realizzammo un programma elettorale del Pci davvero particolare. Non solo per i testi ma per le immagini. Chiesi
Scopri di più

Nuova Iskra

A proposito della stampa stabiese: l’avventura di Nuova Iskra periodico della gioventù comunista di Castellammare di Stabia.  1967 – 1972 articolo del dott. Raffaele Scala – Vedi link articolo originale
Scopri di più

Quotidiano della Calabria, arrivo e partenza

Ennio Simeone mi lascia, e non è la prima volta, un giornale autorevole. Ringraziarlo per questo e augurargli grandi successi nella nuova iniziativa editoriale del nostro editore a Roma potrebbe
Scopri di più

Loris Capovilla su “Lettopalena”

Scopri di più

ARTICOLI

L’arroganza di far tacere le ambulanze

Chi scrive convive da tempo con la dolente sinfonia delle sirene. Affacciandosi su una strada che collega i maggiori ospedali di Napoli e del Sud il noto e ormai familiare
Scopri di più

Piazza Spartaco, cento anni fa la strage

Ci sono date che segnano la storia e ci sono luoghi in cui eventi significativi assumono valenza che supera i propri confini, come Castellammare dove in tempi non lontanissimi anche
Scopri di più

Per Ugo invece del murale meglio la memoria privata

Da anni nel portafogli di mia moglie c’è la foto di un ragazzo. Si chiamava Marco Altomare, aveva diciassette anni, faceva il rapinatore ma la fedina penale era ancora pulita,
Scopri di più

Peppe, nel nome del padre

Innanzitutto era una persona buona. Lo so per me ma so che mai lo mosse un sentimento cattivo nei confronti di qualcuno. Scaturiscono da questa convinzione il dolore e le
Scopri di più

Pino Simonelli e la scorza d’arancia sorrentina

Una foto e una poesia scritta a mano. Le ho ritrovate tra le “carte” e i ricordi sono riaffiorati limpidamente e ho rivisto con gli occhi della memoria Pino Simonelli.
Scopri di più

Lo stemma dimenticato

di MATTEO COSENZA In un piccolo paese calabrese c’è il primo stemma marmoreo del Vicereame di Napoli, finora poco studiato e, quindi, praticamente sconosciuto, in cui per l’ultima volta compaiono
Scopri di più

Pino Amato, il dc dallo sguardo lungo

Ha ragione Arnaldo Amato a ricordare la seconda condanna caduta sul capo dei familiari delle vittime del terrorismo, dopo quella della perdita insanabile di un padre, di un fratello, di
Scopri di più

Un clima sempre più pesante

Queste mogli di calciatori che decidono di scappare da Napoli sanno di già visto, di un vecchio e abusato copione che si ripete e che inquieta inevitabilmente anche chi della
Scopri di più

Una città senza futuro

D’accordo, maledetta napoletanità! L’invettiva di Gigi di Fiore riassume un sentimento ricorrente e rinverdito all’infinito. E ritorna il tema del restare o andarsene, al quale si acconcia opportunisticamente anche chi
Scopri di più

Rompiscatole

Ha un senso raccontare la città, magari denunciandone anche le magagne, partendo dal generale e sfiorando qualche volta il particolare per lo più genericamente. È difficile il contrario. Ed è
Scopri di più

Napoletanità

Un balzo indietro di quarantadue anni. L’ho fatto leggendo di questo saggio di Raffaele La Capria su Napoli e l’articolo “coraggioso” di Antonio Polito nella sua rubrica domenicale. Un tuffo
Scopri di più

Dizionario dei giorni «sospesi»

BALCONE Quello di piazza Venezia? Quello di Rosina? Il sovrano? O il celeste? Quello dell’anima? O quello d’Oriente? E perché non quello in ferro e panciuto? Largo all’immaginazione. Ma poi
Scopri di più

Patroni

Se nomen omen capirete che il mio cuore batte per Matteo, poi ricordo di essere napoletano per scelta di vita e di lavoro da quasi mezzo secolo e allora lascio
Scopri di più

Hitler a Napoli

Il filmato dell’Istituto Luce sulla visita di Hitler a Napoli, riproposto sul sito del Corriere del Mezzogiorno, non lascia indifferenti, come e più di quelli sulle folle oceaniche di Trieste
Scopri di più

Luigi Necco il cittadino, io il contadino

Sapevo che da un momento all’altro sarebbe arrivata la notizia. Da settimane la figlia Alessandra ci diceva che le cose non andavano bene e ci sconsigliava di andare a trovarlo
Scopri di più

Perchè sono Italiano

Sono italiano perché da bambino mi dicevano che lo ero. Sono italiano perché sulla carta geografica, che la maestra aveva alle sue spalle, l’Italia mi sembrava una persona di famiglia.
Scopri di più

Lo sguardo di Compagnone sulla città di Masaniello

L’amarezza è la sua cifra per scandagliare quella Napoli non più«bagnata dal mare» di Matteo Cosenza Quando conobbi Luigi Compagnone, con il quale ebbi poi una quasi quotidiana frequentazione per
Scopri di più

Castellammare, la piccola Napoli

Gli errori si pagano. La “mia” città sta pagando. Se osservo l’indefinito e infinito cantiere di Bagnoli e ricordo l’acciaieria di Nitti e la sua classe operaia svanita nel nulla,
Scopri di più

Castellammare, le ragioni di un declino

Quando ho scritto l’articolo su Castellammare non immaginavo che potesse suscitare un dibattito e per di più così intenso. Non volendo, evidentemente ho toccato dei nervi scoperti anche se il
Scopri di più

RECENSIONI

Padre Pio, un miracolo della fede e degli affari

di PIERO ANTONIO TOMA La bufala sulla cultura che non paga potrebbe essere assimilata a quella sulla fede. Matteo Cosenza, giornalista di lungo e autorevole corso, ce lo conferma nel
Scopri di più

‘Padre Pio: il vero miracolo, un laico che s’accosta al sacro

di RAFFAELE BUSSI “Padre Pio: il vero miracolo” è il titolo del recente saggio di Matteo Cosenza, giornalista di lungo corso, saggista e critico, che l’editore Rogiosi ha di recente
Scopri di più

«Mia madre leggeva sperando che mi convertissi»

di ROBERTO LOSSO È difficile da maneggiare, l’ultimo libro di Matteo Cosenza («Padre Pio, il vero miracolo», Rogiosi Editore). Leggerlo non basta. Bisogna viverlo. Quasi fosse la rappresentazione riflessa di
Scopri di più

Padre Pio, un giornalista e il miracolo della fede

di ClAUDIA PRESICCE Un giorno di molti anni fa un giornalista del Mattino venne chiamato dal direttore, a quel tempo Paolo Graldi, per un nuovo incarico. Doveva andare a San
Scopri di più

Padre Pio, il vero miracolo

di FLORIANA GUERRIERO «Non ero andato in Puglia per convertirmi e non mi sono convertito. Sui miracoli ho le mie opinioni e non sono cambiate. Ma un miracolo io lo
Scopri di più

Viaggio nella fede degli umili

di FRANCESCO DANDOLO Fu Gabriele De Rosa, grande storico del Novecento, a documentare che la religiosità popolare era un fenomeno complesso. Da non guardare come si faceva e si fa
Scopri di più

Il santo raccontato dal giornalista ateo

  di PIETRO GARGANO Un bravo giornalista deve essere una brava persona, onesta, capace di raccontare pure i fatti che si intonano alle proprie idee. Non è un ragionamento da
Scopri di più

Una colonna sonora sottovoce

di TIZIANA ESPOSITO “Silenzio, compostezza, commozione. Se chiudi gli occhi senti che in cinquantamila formano un cuore solo. Esagerato? Qui tutto è esagerato. Ma o ci sei dentro con la
Scopri di più

Padre Pio e il miracolo di un laico

di FILIPPO VELTRI Può un laico, persino un ateo, intendere il sentimento religioso, la fede? La risposta è sì, se si legge fino alla fine l’ultimo lavoro di Matteo Cosenza
Scopri di più

Appunti per una presentazione che non c’è stata

di ROMANO PITARO “Casomai avessi dimenticato” e le parole segnate (e non dette) a margine delle pagine… Avrei dovuto presentare il bel volume di Matteo Cosenza (“Casomai avessi dimenticato”- Rogiosi
Scopri di più

Una lettera di Carlo Franco

Carissimo Matteo, a poche ore dalla presentazione vomerese di “…casomai avessi dimenticato” – in uno spazio, la Libreria Iocisto, che mi è caro, tra l’altro – sento il bisogno, dopo
Scopri di più

Dopo Siani tutto uguale, i cronisti restano soli

di RAFFAELE SCHETTINO Dicono che c’è sempre una correlazione tra la data di nascita e il nostro destino. Scorriamo il ‘49, anno di Matteo Cosenza, giornalista e scrittore: la Nato,
Scopri di più

Cosenza, utopia e potere delle parole

di FLORIANA GUERRIERO È un racconto che attraversa la storia del giornalismo, di una generazione e insieme del paese quella che consegna Matteo Cosenza in “Casomai avessi dimenticato”, Rogiosi edizioni.
Scopri di più

Ma Matteo non ha dimenticato proprio nulla

di LINO ZACCARIA Matteo Cosenza viene da molto lontano. E lo dimostra con il libro “Casomai avessi dimenticato” (196 pagine, Rogiosi Editore), una sorta di autobiografia che si snoda attraverso
Scopri di più

Caro Matteo,

di NANDO MORRA* ti rubo tempo con una “particolare“, atipica, lettera personale che mette insieme il “ tu “ e l’Autore. Parlo, al contempo, con l’amico Matteo, compagno d’arme, e
Scopri di più

Matteo e noi ragazzi di via Cervantes

di PROCOLO MIRABELLA Consiglio a tutti la lettura dell’ultimo bel libro di Matteo Cosenza “Casomai avessi dimenticato”. Giornalista di razza qual è sempre stato Cosenza, Matteo, come per me e
Scopri di più

Noi ragazzi di via Cervantes

di GIUSEPPE IMPROTA Le recenti presentazioni e le recensioni sui quotidiani del nuovo libro di Matteo Cosenza (Casomai avessi dimenticato, Rogiosi editore) hanno evidenziato l’impegno politico costante ed il contributo
Scopri di più

Innamorato della Calabria

di FRANCO CIMINO Per fare politica ci vuole passione. La passione è il fuoco che arde il corpo e accende gli occhi sugli ideali per i quali si darebbe la
Scopri di più

Cosenza, la vita è impegno tra politica e giornalismo

di UGO CUNDARI Impegno politico e giornalismo, sempre con la schiena diritta, sono le colonne sulle quali regge il racconto autobiografico “Casomai avessi dimenticato” (Rogiosi. pagine 212. curo 16) dello
Scopri di più

Politica e giornali il viaggio autobiografico di Matteo Cosenza

di ANTONIO FERRARA Non è un saggio né un romanzo. Con “Casomai avessi dimenticato” (Rogiosi editore, 200 pagine, 16 euro) Matteo Cosenza manda in stampa un’autobiografia storicizzata, nella quale protagonisti
Scopri di più